Avvocati & Commercialisti
Associati

Trust e successione legittima

Trust per disciplinare rapporti successori

La gestione del patrimonio in ottica successoria impone scelte soggette ai consueti vincoli posti dal nostro ordinamento in tema di successione legittima.

Può accadere che in sede successoria qualche legittimario possa sentirsi danneggiato dalle scelte effettuate dal de cuius e lamentarsi di non aver ricevuto quanto per legge gli spetta.

Potrebbero esserci casi in cui un figlio legittimo o naturale rimanga escluso dalla ripartizione dell’attivo ereditario così come qualche coniuge - separato senza che sia intervenuta sentenza di scioglimento del matrimonio - possa reclamare diritti.

Alo stato attuale il legittimario leso nei propri diritti dovrà rivolgersi al giudice per ottenere quanto le norme sulle successioni gli assegnino.

Attraverso il conferimento in trust dei beni sarà possibile regolare - sempre nel rispetto delle norme imperative e non derogabili poste dal nostro ordinamento in tema di successioni e donazioni - il passaggio del patrimonio famigliare alle generazioni future preservandone eventualmente l’unitarietà attraverso l’utilizzo di uno strumento capace di adattarsi alle mutevoli situazioni ed ai diversi interessi degli eredi.

Attraverso l’utilizzo del trust sarà possibile configurare clausole che facilitino la risoluzione di controversie e contestualmente prevengano un inutile e costoso procedimento giudiziario consentendo - nelle more - una gestione del patrimonio affidato funzionale agli interessi della famiglia.

Il tutto nel rispetto delle norme in materia di successioni e donazioni che - si ribadisce - non sono legittimamente derogabili.

Vincenzo Stuppia



Dottore Commercialista e Revisore Legale. Registered Trust and Estate Practitioner. Professionista accreditato dall’Associazione il Trust in Italia.


Vuoi ricevere altre informazioni?