Avvocati & Commercialisti
Associati

ResponsabilitĂ  medica

Assistenza penale responsabilitĂ  del medico

L’assoluta articolazione del tema in questione, anche in relazione ai diversi profili di responsabilità, si ritiene non possa essere esaminata in pochi cenni riassuntivi, provvedendo quindi a fornire alcuni spunti di riflessione di taglio informativo e pratico.

Nell’affrontare casi di c.d. malasanità occorre preliminarmente individuare:
  • il soggetto /i responsabile/i (processualmente i soggetti da convenire in giudizio)
  • di cosa tali soggetti siano responsabili (individuando la natura ed il contenuto dell’obbligazione in relazione alla condotta dei sanitari ed eventualmente della struttura sanitaria)
  • valutazione e tipizzazione danno

Soggetti responsabili

In via preliminare, per poter procedere ad esatta individuazione dei soggetti responsabili attraverso analisi della concreta condotta relativa al rapporto medico-paziente.

Individuazione dell’inadeguatezza della prestazione medica – individuazione effetti pregiudizievoli per la salute del paziente

Prima di intraprendere qualsivoglia azione giudiziaria è necessario avere conferma che, i fatti e le circostanze dedotte come causa degli effetti negativi sulla salute del paziente, siano effettivamente riferibili ad inadeguatezza della prestazione medica, e ciò attraverso il supporto di una perizia specialistica e medico legale.

Quanto sopra anche al fine di procedere a tipizzazione danno, valutazione e relativa quantificazione del danno risarcibile sotto un profilo medico-legale.

ResponsabilitĂ  Penale del medico - cenni

In altra sezione già si è trattato brevemente della Responsabilità medica e della struttura sanitaria in ambito civile

Passando alla diversa responsabilitĂ  di natura penale si osserva.

Nell’ambito della propria attività il medico può, con la sua condotta (attiva od omissiva) cagionare la morte del paziente od una lesione le cui conseguenze saranno purtroppo dal medesimo sopportate durante l’arco della propria vita.

Pertanto, in relazione al caso concreto, potranno ravvisarsi gli estremi dei reato di omicidio (art. 575 c.p.), omicidio preterintezionale (art. 584 c.p.) o di omicidio colposo (art. 589c.p.) nei casi dagli esiti nefasti.

In altri casi meno dall’esito meno cruento, potranno ravvisarsi gli estremi dei reati di lesioni personali (art. 582 c.p.) ovvero di lesioni personali colpose (art. 590) aggravate dall’esito delle stesse.

Nella pratica giudiziale si è, purtroppo potuto verificare, che a seguito delle ipotesi di reato sopra evidenziate, siano anche ravvisati estremi del reato di Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici previsto e punito dell’art. 476 c.p., in relazione alla qualifica del medico in nella redazione della “cartella Clinica”, nell’ipotesi di alterazioni di dati riportati nella medesima.

L’accertamento dell’illecito penale, comunque, necessita, quale condizione necessaria per affermare la penale responsabilità del medico, oltre l’esistenza degli elementi soggettivi del reato (dolo o colpa) , anche l’esistenza del c.d. nesso di causalità tra fatto (condotta) e l’evento dannoso verificatosi e cioè il legame causale tra la condotta dell’imputato ed il risultato lesivo indicato dalla norma (morte, lesione etc).

L’illecito penale, rispetto a quello civile, si connota per i diversi criteri di imputabilità.

Nel diritto penale la responsabilità è esclusivamente personale e, l’imputato, gode delle garanzie costituzionali circa la sua presunzione di innocenza (art. 27 Cost.), dovendo cosi l’accusa provare l’esistenza di tutti quegli elementi fondanti l’imputazione. ( sussistenza dell’elemento soggettivo del reato – dolo o colpa – nonché quello oggettivo del reato stesso come la condotta anche omissiva, ed il nesso causale con l’evento).

Il Team dello studio fornisce - qualora dovesse ritenere sussistere, dopo esame del caso concreto, responsabilità da parte dei medici o della struttura ospedaliera - la necessaria assistenza legale giudiziale con l’ausilio di medici specialisti e medici legali.

Giampiero Stuppia


Avvocato, patrocinante in Cassazione e Giurisdizioni superiori.


Dettagli
Vuoi ricevere altre informazioni?